Fare la doccia con il ciclo lo blocca

Fare la doccia con il ciclo lo blocca

Come fare la doccia al lavoro senza doccia

Il pendolarismo in bicicletta sta diventando sempre più popolare: una ricerca del British Council for Offices ha recentemente rilevato che fino al 38% degli impiegati britannici prenderebbe in considerazione l’idea di spostarsi in bicicletta se il proprio posto di lavoro offrisse strutture migliori.

Un modo per evitare un po’ di sudore durante la pedalata è quello di lasciare alcuni indumenti sul posto di lavoro: avere un cambio di camicia, maglietta, camicetta e calzini o collant può aiutare a sentirsi freschi per tutto il giorno.

Dallo shampoo secco alle salviette umidificate riutilizzabili per bambini (bagnatele prima di uscire e tenetele in un sacchetto impermeabile), ci sono molti prodotti che possono aiutarvi a rinfrescarvi senza bisogno di un lavandino o di una doccia.

Le biciclette elettriche sono in aumento – basta guardarsi intorno nelle nostre città per rendersene conto – ma nonostante la loro crescente popolarità, ci sono ancora idee sbagliate, miti e persino snobismo che le circondano.

Siamo convinti che sia i datori di lavoro sia i dipendenti traggano vantaggio da luoghi di lavoro dotati di buone strutture per chi vuole recarsi al lavoro in bicicletta, ma siamo anche consapevoli che fornire tali strutture non è sempre possibile.

Consigli per andare al lavoro in bicicletta

Simon RichardsonEditore della rivista Cycling Weekly, Simon lavora per la testata dal 2001. Si è innamorato del ciclismo nel 1989 guardando il Tour de France su Channel 4, ha iniziato a correre nel 1995 e nel 2000 ha trascorso una stagione in Belgio. Durante il periodo trascorso alla CW (e alla rivista Cycle Sport) ha scritto recensioni di prodotti, articoli sul fitness, interviste a professionisti, servizi sulle gare e notizie. Ha coperto il Tour de France più volte di quanto riesca a ricordare, oltre a due Giochi Olimpici e a molte altre gare internazionali e nazionali del Regno Unito. Nel 2015 è diventato il 13° editore della rivista, che ha 130 anni.

  Quanto rimane la coca nel capello

Come rimanere freschi dopo essere andati al lavoro in bicicletta

Zenith è stata incaricata dalla Nationwide Building Society di costruire un deposito per 88 biciclette con relativo blocco docce. Il progetto ha richiesto un brief in evoluzione, con modifiche significative all’ambito dei lavori durante il periodo contrattuale.

Inizialmente, il lavoro ha visto la rimozione di tutte le aree verdi esistenti, compresi grandi alberi ed erba, e l’adeguamento dei livelli del terreno per ospitare nuovi sentieri e una pista ciclabile. È stato inoltre richiesto di installare nuovi scarichi fognari e meteorici nei sistemi attuali, nonché nuove forniture idriche ed elettriche.

I lavori hanno incluso la formazione delle fondamenta dell’edificio e la costruzione di una struttura in acciaio con tetto in policarbonato e pannelli a parete vetrati per ospitare il deposito di biciclette, oltre all’installazione di energia elettrica, riscaldamento e illuminazione.

La costruzione del nuovo blocco docce ha richiesto al team di Zenith l’installazione di una pompa di calore ad aria e di un riscaldamento a pavimento. Hanno inoltre installato docce e cabine, oltre a un servizio igienico, e una pavimentazione in resina in tutta la struttura, compresi gli scarichi delle docce. Infine, il team ha realizzato la sistemazione del paesaggio intorno al nuovo deposito di biciclette e al blocco docce, per accogliere i nuovi sentieri e la pista ciclabile. Il progetto testimonia la capacità di Zenith Refitment di soddisfare i requisiti continui del progetto, lavorando secondo i più alti standard di qualità e fornendo un servizio senza soluzione di continuità dai lavori preparatori iniziali fino alla decorazione finale.

  Come tagliarsi le unghie dopo protesi danca

È imbarazzante andare al lavoro in bicicletta?

Durante il montaggio avete dimenticato qualcosa o è caduto qualcosa nei tubi che corrono tra la cucina e il bagno. Probabilmente il tubo principale è in cucina e il tubo del bagno confluisce in cucina in quel tubo principale.

Smontate il tubo del lavandino e cercate di capire se c’è qualcosa da vedere o sentire un po’ più in basso. In caso contrario, il passo successivo sarebbe quello di procurarsi una di quelle pompe di aspirazione in gomma con un manico e usarla nello scarico della doccia oppure usare uno di quei lunghi fili flessibili a spirale e spingerlo dal lavandino della doccia verso la cucina per rimuovere l’ostruzione.

Quindi è corretto dire che non c’era un lavandino o una lavatrice collegata prima che vi trasferiste nel vostro appartamento non ammobiliato? Sembra che il tubo di scarico della cucina passi attraverso il bagno e che la doccia sia collegata ad esso, quasi certamente sotto il pavimento o il lavandino della doccia. Il tubo di scarico della doccia non è collegato correttamente al tubo principale oppure il diametro del tubo principale installato è troppo piccolo. Le lavatrici non sono normalmente installate nelle cucine, quindi se avesse detto che il problema si verificava solo quando la lavatrice era accesa, avrei pensato che il tubo di scarico principale che serve la cucina fosse troppo piccolo e che non fosse stato progettato per avere una lavatrice collegata ad esso, in quanto la portata dell’acqua in alcuni punti del ciclo sarebbe superiore a quella di un normale scarico del lavandino. Tuttavia, dato che il problema si verifica anche quando si svuota il lavello, sono abbastanza sicuro che non abbia nulla a che fare con l’impianto installato di recente.

  Fascette per mascherine in farmacia
Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines de afiliación y para mostrarte publicidad relacionada con sus preferencias en base a un perfil elaborado a partir de tus hábitos de navegación. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos. Más información
Privacidad