Storia di sissi imperatrice daustria

Storia di sissi imperatrice daustria

Sissi wikipedia

Prima che Netflix aggiungesse “L’imperatrice” alla lista, sono stati realizzati diversi film sulla famosa coppia reale. L’adattamento più famoso fino ad oggi risale agli anni ’50, quando l’attrice Romy Schneider interpretò “Sissi” in una trilogia di film sull’imperatrice che da allora sono diventati dei classici natalizi, trasmessi ogni anno e visti da centinaia di migliaia di famiglie in Germania.

Ad esempio, il film “Corsage” della regista austriaca Marie Kreutzer, in corsa per gli Oscar 2023 come miglior film internazionale, tratta di quanto debba essere stato difficile per Elisabetta sottomettersi alla vita della corte imperiale, che le consentiva poca libertà o influenza politica. Sisi arrivò al potere solo grazie alla sua bellezza, quindi la sua missione fu quella di rimanere bella.

Ogni giorno si faceva pettinare per due ore e si sottoponeva a una rigorosa routine di fitness. Già nel XIX secolo, Elisabetta d’Austria si allenava ogni giorno per preservare il più a lungo possibile la sua giovinezza, la sua bellezza e il suo status.

“Sisi faceva già 150 anni fa cose che oggi sono considerate normali”, spiega Duve. “Per esempio, tenersi in forma con il sollevamento pesi, fare di tutto per preservare la propria bellezza il più a lungo possibile, mettendo persino a rischio la propria salute per sostenere l’illusione dell’eterna giovinezza”.

Sissi film inglese

FELIX VRATNY/Film AGMost PopularNata nella casa reale bavarese dei Wittelsbach e soprannominata “Sissi”, Elisabetta ha goduto di un’educazione informale, in cui la madre e il padre, sempre disponibili, l’hanno educata a esplorare la campagna e a dedicarsi a riflessioni creative. La giovane Sissi sposerà l’imperatore Francesco Giuseppe I all’età di 16 anni, un matrimonio che la proietterà nella vita formale della corte asburgica, alla quale non era preparata e che trovava sgradevole. Eccentrica ed educata ai valori della creatività e dell’avventura, la monotonia della vita reale non era all’altezza di Sissi. In un atto di sfida, l’imperatrice iniziò a fumare (ironico, considerando la sua paura di invecchiare), a cavalcare e a fare ginnastica durante il suo matrimonio, il che la rese una vittima riluttante del gossip. Devrim Lingnau nel ruolo di Elisabetta e Philip Froissant nel ruolo di Francesco in L’imperatrice

  Si accoppiano con il gioco

AlamyLa giovane imperatrice, tuttavia, era ben lontana dalla combinazione ottimale di bellezza e salute. Soffriva di disturbi alimentari e di una grave depressione (o “malinconia”, come veniva chiamata nel XIX secolo) a causa della mancanza di stimoli dalla vita di palazzo. Oltre a un vigoroso regime di esercizio fisico, l’imperatrice praticava diverse routine di bellezza impegnative, una delle quali comprendeva un rituale di tre ore per i capelli. Anche dopo quattro gravidanze, Elisabetta mantenne il suo peso a circa 110 libbre e un girovita di 16 pollici per il resto della sua vita. Le pressioni per mantenere il suo bell’aspetto si ripercuotono sulla giovane reale, che viene descritta come “graziosa, ma troppo esile” ed “estremamente infelice” dai colleghi di corte. I più popolariFranz Joseph I d’Austria con la sua famiglia

Nave Principessa Imperatrice

La serie Netflix in sei parti “Die Kaiserin” (L’imperatrice) ha celebrato la sua prima mondiale il 29 settembre 2022 e si avvale di immagini sontuose per concentrarsi sulle sfide affrontate da Sisi alla rigida corte viennese. Il nuovo romanzo “Sisi” di Karen Duve tratta della fuga dell’imperatrice Elisabetta dalle convenzioni conservatrici della vita imperiale a Vienna.

  I multipli dispari di 6

Oggi il Museo di Sisi è ospitato nel Palazzo Imperiale, o più precisamente negli ex appartamenti imperiali. Vi sono esposti numerosi reperti della sua vita (come il suo primo dente da latte). Nel complesso del Palazzo Imperiale si trova anche la Chiesa dei Frati Agostiniani, dove Sisi sposò l’imperatore Francesco Giuseppe il 24 aprile 1854. Proprio dietro l’angolo, nel Volksgarten, si trova un monumento di Sisi nascosto in un angolo appartato, ancora più bello per la sua posizione tranquilla. L’ex roseto imperiale stupisce ogni anno con un’esplosione di oltre 400 tipi di rose diverse. Il gusto di Sisi può essere assaggiato al meglio al Kohlmarkt, presso l’ex pasticceria imperiale e della corte reale Demel: Qui viene offerto il gelato alla viola, a cui anche la magrissima Sisi non ha saputo resistere.

L’imperatrice

Francesco Giuseppe ed Elisabetta, la “coppia perfetta” della monarchia austriaca, sono passati più negli annali della letteratura popolare che nella storia. L’imperatore si innamora di una giovane e bella principessa e la porta con sé nel suo palazzo: è la storia delle favole. Ma quanto era felice il loro matrimonio nella realtà?

Giovane, attraente, sovrano di un impero globale e… single! Francesco Giuseppe era molto richiesto sul mercato dei matrimoni aristocratici europei. Sua madre Sofia, estremamente ambiziosa dal punto di vista politico, aveva già dei progetti concreti. In occasione del ventitreesimo compleanno del figlio, organizzò una festa a Bad Ischl, alla quale fu invitata la sorella Ludowika con la figlia diciannovenne Helene, nella speranza che l’imperatore si invaghisse della giovane cugina.

  Come conservare laglio a spicchi

Tuttavia, gli eventi presero una piega diversa, perché Francesco Giuseppe – e qui la narrazione della famosa trilogia cinematografica di Sissi rispecchia la storia reale – si innamorò perdutamente della sorella di Helene, Elisabetta, di soli quindici anni e ancora molto infantile, che in realtà avrebbe dovuto svolgere solo un “ruolo di supporto” nel viaggio. “Oh, se solo fosse un sarto!”. Si dice che Elisabetta abbia esclamato, aggiungendo però che “Non si rifiuta un imperatore!”. Prima ancora di lasciare Bad Ischl, fu annunciato il fidanzamento della coppia.

Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines de afiliación y para mostrarte publicidad relacionada con sus preferencias en base a un perfil elaborado a partir de tus hábitos de navegación. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos. Más información
Privacidad