Un altro con o senza apostrofo

Un altro con o senza apostrofo

Regole del possessivo ‘s

Se nella frase si può usare “chi è” invece di “chi è”, l’apostrofo rimane. Se state cercando di chiedere informazioni su un sostantivo di cui non si conosce la proprietà, non usate l’apostrofo. Questi errori di apostrofo fanno rabbrividire ogni editore, professore e appassionato di libri. Molti scrittori confondono “tuo” e “sei”, che sono anche omofoni, così come “tuo”. Ma i loro significati sono diversi e c’è solo un apostrofo tra loro:

Ricordando che gli apostrofi amano frequentare soprattutto le contrazioni, c’è solo una volta che un apostrofo entra nella famiglia degli omofoni there, their, they’re. Non usate l’apostrofo negli altri due:

Se si parla di qualcosa che si trova in un certo luogo (there) o di qualcosa che appartiene a delle persone (their), non è necessario usare l’apostrofo. Aggiungete l’apostrofo solo se potete sostituire la parola con “sono”. Vi è mai capitato di ricevere una cartolina da “gli Smith” o “i Wallace” durante le feste? L’aggiunta errata dell’apostrofo nei sostantivi plurali è un errore grammaticale comune durante le vacanze, soprattutto perché le regole per i plurali, i possessivi e i possessivi plurali sono difficili da ricordare. A meno che non si parli di un sostantivo che appartiene a un altro sostantivo, l’apostrofo nei sostantivi plurali non esiste.

Quando usare l’apostrofo

Una contrazione è una parola che si forma combinando due parole. Quando le due parole vengono combinate, viene eliminata una lettera e al suo posto viene aggiunto un apostrofo. Di solito, quando si formano le contrazioni si usano un pronome e un verbo.

  Cosa prova un ragazzo quando abbraccia una ragazza

‘d quando si contrae would o had (he’d) ‘m quando si contrae am (I’m) ‘s quando si contrae is o has (she’s) ‘ll quando si contrae will (I’ll) ‘re quando si contrae are (they’re) ‘ve quando si contrae have (we’ve) n’t quando si negano alcuni verbi di aiuto o di collegamento (wasn’t, shouldn’t)

Not si usa per formare contrazioni negative con molti verbi di collegamento. Quando si fa una contrazione negativa, si omette la “o” in “not” e la si sostituisce con un apostrofo. L’unica eccezione a questa regola è “will not”, che si contrae in “won’t”.

Quale apostrofo usare per la tastiera

L’apostrofo è forse il segno di punteggiatura più abusato della lingua inglese. Un rapido sguardo ai cartelli stradali, alle pubblicità e ai cartelloni dei negozi dimostra che quasi nessuno sembra sapere come usare correttamente questo segno.

Alcune parole o frasi sono scomode da pronunciare quando viene aggiunto l’apostrofo (“formazione precisa delle oche”, per esempio). L’autore ha sempre la possibilità di riscrivere la frase per evitare questo problema (“La precisa formazione delle oche…”).

I nomi propri possessivi sono nomi maiuscoli di persone, luoghi o cose specifiche. Si consiglia di seguire le stesse regole di utilizzo dell’apostrofo per i nomi propri come per i nomi comuni. Ad esempio:

Naturalmente ci sono alcune eccezioni a questa regola. Una deviazione comune si verifica quando si aggiunge solo un apostrofo ai nomi propri che terminano in -s: Gesù, Mosè e i nomi greci di più di una sillaba che terminano in -es.

  Come allontanare i topi dal balcone

Le contrazioni sono versioni abbreviate di parole o frasi tipicamente limitate al linguaggio informale o alla scrittura. Evitare l’uso di contrazioni nella scrittura formale e professionale. Quando si scrive una contrazione, ricordate che l’apostrofo indica il punto in cui le lettere sono state omesse. Ad esempio:

L’apostrofo dopo il nome “s

Abbiamo già parlato di apostrofi in passato su questo blog, ma oggi vogliamo soffermarci in particolare sugli apostrofi possessivi. Unisciti a noi, quindi, per una rapida occhiata a chi possiede cosa, compreso il modo in cui gestire i casi di comproprietà.

I plurali che finiscono in “s” a volte causano confusione quando si usa un apostrofo possessivo. La chiave è che l’apostrofo possessivo deve sempre andare dopo la “s” finale in un plurale. Se volessimo parlare di due cani con la ciotola del cibo vuota, ad esempio, la posizione dell’apostrofo sarebbe fondamentale:

La prima frase corrisponde alla nostra intenzione, poiché suggerisce più cani e più ciotole. Ma la seconda frase implica un cane con più di una ciotola. Sebbene questa seconda frase non sia sgrammaticata, sarebbe comunque un errore se stessimo cercando di parlare delle ciotole di più di un cane.

In questo caso, usiamo un apostrofo sia per Tim che per Rachel perché stiamo parlando di due persone con due collezioni di francobolli separate. Questo è anche il motivo per cui usiamo il sostantivo plurale “collezioni” e il verbo plurale “sono”. Ma immaginiamo che Tim e Rachel condividano invece una collezione di francobolli:

  Sale grosso per allontanare i piccioni
Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines de afiliación y para mostrarte publicidad relacionada con sus preferencias en base a un perfil elaborado a partir de tus hábitos de navegación. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos. Más información
Privacidad